Quantcast
Nicola Luciano Cipriani

LE ETICHETTE PRIORITARIE DELLA FASE SPERIMENTALE

Nicola Luciano Cipriani perito filatelico

Discutendo telefonicamente con Giovambattista Spampinato sulle etichette prioritarie della fase sperimentale, per intenderci quelle bianche e blu che ricordano il simbolo di Poste Italiane disegnato da Franco Maria Ricci, ciascuno di noi aveva il volume sul servizio prioritario, fresco di stampa, aperto sul capitolo 2. Giovambattista accennava all’esistenza di due differenti tipi riconoscibili  sulla base del colore. Avevo tra le mani alcune buste con differenti tonalità di colore ed in un primo momento ho assentito alla sua considerazione. Ma mentre ero assorto in questa verifica, mi resi conto che non era il colore la caratteristica distintiva. Durante queste osservazioni, avevo infatti notato delle leggere differenze di larghezza del bordo bianco che le delimita. Dopo aver comunicato la mia idea a Giovambattista, mi sono subito accinto al computer per confrontarle ed ho notato differenze, seppur minime, nelle dimensioni tra alcune etichette. Allora mi è balenato il ricordo che le etichette sono state prodotte in fogli da 33 pezzi (figura 1),

le etichette prioritarie della fase sperimentale

Figura 1 – il foglio da 33 etichette

ma sono state anche distribuite con i flyer pubblicitari al cui interno ce ne erano 5 (figura 2).

le etichette prioritarie della fase sperimentale

Figura 2 – il flyer pubblicitario con 5 etichette

Sono corso allora a prendere queste due tipologie di distribuzione ed ho preso un po’ di misure. Il risultato è stato veramente soddisfacente: le due tipologie di etichette sono differenti nelle dimensioni (figura 3).

le etichette prioritarie della fase sperimentale

Figura 3 – le due etichette a confronto. Da foglio di 33 in alto

Per quanto riguarda il colore, le etichette in confezioni da 5 sono costantemente di colore blu intenso, mentre quelle in confezioni da 33 presentano due differenti toni di blu, un tipo è blu intenso ed un altro è blu-grigio. Queste differenze sono compatibili con due distinte produzioni che probabilmente sono state necessarie per l’imprevisto allungamento temporale del periodo sperimentale.

Nella tabella che segue elenco le caratteristiche delle due tipologie di confezioni. È strano che nell’era dei computer con i quali si possono trasferire immagini con la massima fedeltà, si riesca a produrre differenze veramente poco comprensibili.

le etichette prioritarie della fase sperimentale

Figura 4 – confronto tra le caratteristiche dei due tipi di etichette.

No votes yet.
Please wait...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per contattarmi

e-mail: l.cipriani@tin.it

cellulare: 333.797.78.99

Social
Rss Feed & Privacy
Segui i miei feed


Privacy Policy
Provider Top
francobolliperitofilatelico